Navigazione veloce

Organi Collegiali

ACCEDI AI VERBALI

GLI ORGANI COLLEGIALI

Che cosa sono

Gli organi collegiali sono organismi di governo e di gestione delle attività scolastiche composti da rappresentanti delle varie componenti interessate.

Rappresentanza

Il processo educativo nella scuola si costruisce in primo luogo nella comunicazione tra docente e studente e si arricchisce in virtù dello scambio con l’intera comunità che attorno alla scuola vive e lavora. In questo senso la partecipazione al progetto scolastico da parte dei genitori è un contributo fondamentale. Gli Organi collegiali della scuola, che – se si esclude il Collegio dei Docenti – prevedono sempre la rappresentanza dei genitori, sono tra gli strumenti che possono garantire sia il libero confronto fra tutte le componenti scolastiche sia il raccordo tra scuola e territorio, in un contatto significativo con le dinamiche sociali. Tutti gli Organi collegiali della scuola si riuniscono in orari non coincidenti con quello delle lezioni

Composizione Consiglio di intersezione

Scuola dell’Infanzia: tutti i docenti e un rappresentante dei genitori per ciascuna delle sezioni interessate; presiede il dirigente scolastico o un docente, facente parte del consiglio, da lui delegato.

Consiglio di interclasse

Scuola Primaria: tutti i docenti e un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi interessate; presiede il dirigente scolastico o un docente, facente parte del consiglio, da lui delegato.

Consiglio di classe

Scuola Secondaria di 1° Grado: tutti i docenti della classe e quattro rappresentanti dei genitori; presiede il dirigente scolastico o un docente, facente parte del consiglio, da lui delegato.

Principali compiti e funzioni

Il Consiglio di intersezione, quello di interclasse e di classe, hanno il compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e a iniziative di sperimentazione nonché quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.

Fra le mansioni dei consigli rientra anche quello relativo ai provvedimenti disciplinari a carico degli studenti.

  SCUOLA CL. / SEZ. NOMINATIVO
1 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^A BERRETTINI STEFANO
2 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^A CATURELLI ALESSANDRA
3 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^A CAMMUNCI SILVIA 
4 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^A GALARDI FRANCO
5 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^A CORRADI MARIA RITA
6 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^A SOLDATINI CLAUDIA
7 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^A REGOLI SIMONA
8 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^A MENICUCCI LUCIA
9 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^A BRAZZOLI MICHELA
10 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^B BORGHERESI SABRINA
11 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^B SCALI MANOLA
12 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^B VEGNI ELEONORA
13 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^B PORCARI VALENTINA
14 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^B IACOVINI LILIANA MARIA
15 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^B CORADESCHI SILVIA
16 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^B FATTORINI LUCA
17 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^B FANTOZZI CATERINA
18 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^B BIAGI FIORA
19 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^B BRUTTINI LAURA
20 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^C TREFOLONI ELISA
21 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^C POGGESI PAOLA
22 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^C LORENZINI FRANCESCA
23 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^C BURRONI TOMMASO
24 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^C PIERANGIOLI ROBERTA
25 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^C DE AMICIS SARA
26 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^C MARIOTTI CRISTINA
27 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^C BAIOCCHI DEBORA
28 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^C CIACCI LAUDOMIA
29 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^C DE RICCO CAMILLA
30 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^D GALASSINI CLAUDIA
31 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^D BENCINI BARBARA
32 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^D GUERRINI JESSICA
33 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 1^D NERI SILVIA
34 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^D ROSSI LAURA
35 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^D ANDOLFI MICHELE
36 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^D CENCIONI PAOLO 
37 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 2^D MONELLI MARIA CRISTINA
38 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^D NARDI GIANNI
39 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^D CIRRI CATERINA
40 Sc. Sec. I^ grado “A.B. Sabin” 3^D CANNONI LAURA
1 Scuola Primaria “F. Tozzi” 1^A BONCI CLAUDIA
2 Scuola Primaria “F. Tozzi” 2^A NOVEMBRI ROMINA
3 Scuola Primaria “F. Tozzi” 3^A MICCOLI GIANNA
4 Scuola Primaria “F. Tozzi” 4^A PRICEPUTU ANDREEA OANA
5 Scuola Primaria “F. Tozzi” 5^A TOZZI CRISTIANA
6 Scuola Primaria “F. Tozzi” 1^B BENEDETTI DANIELA MARIA
7 Scuola Primaria “F. Tozzi” 2^B BROCCHI SILVIA
8 Scuola Primaria “F. Tozzi” 3^B DI PAOLA BARBARA
9 Scuola Primaria “F. Tozzi” 4^B MUTARELLI VINCENZO
10 Scuola Primaria “F. Tozzi” 5^B GINANNESCHI LETIZIA
11 Scuola Primaria “F. Tozzi” 1^C FERRINI ALDO
12 Scuola Primaria “F. Tozzi” 2^C FRANCI ALESSIA
13 Scuola Primaria “F. Tozzi” 3^C PASQUINI GIOVANNA
14 Scuola Primaria “F. Tozzi” 4^C CERAMELLI ROSSELLA
15 Scuola Primaria “F. Tozzi” 5^C CARAPELLI FULVIA
16 Scuola Primaria “F. Tozzi” 1^D PEZZONI ALICE
17 Scuola Primaria “F. Tozzi” 2^D TORRICELLI LEONARDO
18 Scuola Primaria “F. Tozzi” 3^D TREFOLONI ELISA
19 Scuola Primaria “F. Tozzi” 4^D BROGI MARZIO
20 Scuola Primaria “F. Tozzi” 5^D BROGI GIOLISCA
1 Scuola Infanzia “Acquacalda” 1^A DIANA CATERINA
2 Scuola Infanzia “Acquacalda” 2^A RIZZUTO SILVIA
3 Scuola Infanzia “Acquacalda” 3^A DEGLI ESPOSTI ALIA
4 Scuola Infanzia “Acquacalda” 3^B MAZZESCHI ILARIA
1 Scuola Infanzia “Marciano” 1^A TEMPERINI GIANNA
2 Scuola Infanzia “Marciano” 1^B FURIO PIETRO
3 Scuola Infanzia “Marciano” 1^C BUCCATO PATRICK

 

 

 

Consiglio di Istituto e Giunta Esecutiva

Che cos’è il Consiglio di Istituto?

Il C. d. I. è l’organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali della scuola. In esso sono rappresentate tutte le componenti dell’Istituto con un numero di rappresentanti variabile a seconda delle dimensioni della scuola.

Nelle scuole con popolazione scolastica superiore a 500 alunni i componenti sono 19:

– otto rappresentanti del personale docente

– due rappresentanti del personale A.T.A.

– otto rappresentanti dei genitori

Il Dirigente Scolastico è membro di diritto del C. d. I. che, secondo l’attuale normativa, è presieduto da un genitore e si rinnova con cadenza triennale tramite elezioni.

Che cosa fa il Consiglio di Istituto?

Le attribuzioni del Consiglio sono descritte dal Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n.° 297 “Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione relative alle scuole di ogni ordine e grado” (art. 10). In particolare il Consiglio di Istituto:

a) Elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le forme di AUTOFINANZIAMENTO della scuola

b) Delibera il PROGRAMMA ANNUALE, ex bilancio e il conto consuntivo; stabilisce come impiegare i mezzi finanziari per il funzionamento amministrativo e didattico

c) Delibera in merito all’adozione e alle modifiche del REGOLAMENTO INTERNO dell’istituto

d) Stabilisce i criteri generali in merito a:

– acquisto, rinnovo e conservazione delle attrezzature tecnico-scientifiche, dei sussidi didattici (audio-televisivi, libri) e di tutti i materiali necessari alla vita della scuola;

– attività negoziale del Dirigente Scolastico (contratti, convenzioni, utilizzo locali scolastici da parte di Enti o Associazioni esterne, assegnazione di borse di studio);

– partecipazione dell’istituto ad attività culturali, sportive e ricreative, nonché allo svolgimento di iniziative assistenziali;

– organizzazione e programmazione della vita e dell’attività della scuola, comprese le attività para/inter/extrascolatiche (calendario scolastico, programmazione educativa, corsi di recupero, visite e viaggi di istruzione, ecc.), nei limiti delle disponibilità di bilancio;

e) Definisce gli INDIRIZZI GENERALI DEL POF elaborato dal Collegio Docenti (DPR 275/99);

f) Adotta il P.O.F;

g) Indica i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all’assegnazione dei singoli docenti alle classi (D. Lgs. 59/03 Art. 7 comma 7) e al coordinamento organizzativo dei consigli di classe

h) Stabilisce i criteri per l’espletamento dei servizi amministrativi (orari di sportello, tempi di risposta per documenti, ecc.) ed esercita le competenze in materia di uso delle attrezzature e degli edifici scolastici.

Il C. d. I. nella sua prima seduta, elegge, tra i suoi membri, una Giunta Esecutiva.

Che cos’è la Giunta esecutiva?

È un organo esecutivo: tra i suoi compiti vi è, ad esempio, quello di controllare la corretta applicazione delle delibere del C. d. I.; inoltre, deve essere bene informata sulle esigenze della scuola e saperne recepire le varie istanze, ponendosi sempre al servizio del Consiglio.

La Giunta viene rinnovata, come il C. d. I., ogni tre anni tramite elezioni e negli istituti di istruzione secondaria superiore è composta da: un genitore, uno studente, un insegnante, un rappresentante del personale A.T.A. Sono membri di diritto della Giunta il Dirigente Scolastico, che la presiede in rappresentanza dell’istituto e il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi (D.S.G.A.), che svolge anche funzioni di segretario della Giunta.

È possibile invitare alla Giunta Esecutiva il Presidente del Consiglio d’Istituto, formalmente come uditore.

Che cosa fa la Giunta esecutiva?

Predispone il programma annuale e il conto consuntivo, prepara i lavori del C. d .I., esprime pareri e proposte di delibera, cura l’esecuzione delle delibere, propone al C. d. I. il programma delle attività finanziarie allegando un’apposita relazione e il parere di regolarità contabile del Collegio dei Revisori, predispone il materiale necessario alla corretta informazione dei Consiglieri.

Può avere competenze riguardo i provvedimenti disciplinari a carico degli alunni: le deliberazioni sono adottate su proposta del rispettivo Consiglio di classe, secondo procedure definite dal Regolamento.

La Giunta predispone l’O. d. G. del Consiglio tenendo conto delle proposte formulate dal Presidente, dai singoli Consiglieri, dai Consigli di Classe, dal Collegio dei Docenti e dalle Assemblee dei Genitori.

Rispetto alle proposte della Giunta, organo esecutivo, il Consiglio, organo deliberante, ha comunque il diritto di iniziativa, ovvero la possibilità di deliberare in modo diverso rispetto alle proposte fatte dalla Giunta.

Il genitore che partecipa alla giunta dovrebbe avere una particolare sensibilità e formazione per portare istanze e proposte dei genitori, per chiedere approfondimenti e documenti su temi complessi, per comunicare gli argomenti in preparazione.

N NOMINATIVO COMPONENTE
1 MONTEFORTE ADRIANO ATA
2 MUGNAI IOLE ATA
1 BUCCHI ALESSANDRA DOCENTI
2 SILVESTRI SILIA DOCENTI
3 BURGASSI GIUSEPPINA DOCENTI
4 PAGLIANTINI LISA DOCENTI
5 BARTOLOZZI DANIELA DOCENTI
6 MARSILI ALESSIA DOCENTI
7 PARTINI ELENA DOCENTI
8 LOMBARDO ANNA DOCENTI
1 TREFOLONI ELISA  GENITORI -PRESIDENTE
2 MAGGI SUSANNA GENITORI
3 BROGI MARZIO GENITORI
4 GINANNESCHI LETIZIA GENITORI
5 DEI MARTINA GENITORI
6 LOTTI MARIA GENITORI
7 VIVIANI ILARIA AMALIA GENITORI
8 BROGI GIOLISCA GENITORI

Giunta Esecutiva + DS e DSGA membri di diritto